Vediamo quali sono le difficoltà che si incontrano più frequentemente nel lancio di un infoprodotto.

La difficoltà principale è quella di non avere una lista di contatti a cui vendere direttamente il nostro prodotto.

Avere una lista fornita di migliaia e migliaia di contatti è il sogno di tutti gli infomarketer in quanto se detta lista è formata da contatti scelti, e per scelti intendo acquisiti con criteri di coerenza al prodotto venduto allora ad ogni lancio di un nuovo prodotto le probabilità di realizzare molte vendite sono alte.

La lista può essere sicuramente costruita ma non è ne facile ne veloce, ci sono vari metodi, tra cui la pubblicità a pagamento, che ha appunto un costo, ma che consideriamo un investimento in quanto il cliente poi se lascia il contatto l’abbiamo acquisito, poi si può dare contenuti gratuiti, scrivere su social, blog e forum per farsi conoscere, si può dare il prodotto in affiliazione ad altri venditori in modo da sfruttare le liste di altri.

Ad ogni modo non è un lavoro di poche ore, quindi se non hai una lista, comincia a lavorare subito in questo senso.

Un altro problema è quello di non avere un proprio prodotto da vendere.

Per avere un prodotto da vendere ci sono due strade, o lo crei per conto tuo, un ebook, un video, un audiocorso, ecc oppure vendi prodotti di altri in affiliazione.

Chiaramente la soluzione più remunerativa e professionale è quella di creare prodotti propri, in tal modo si ha un controllo totale della propria attività.

Puoi decidere di vendere prodotti e servizi di vario tipo ma quelli digitali che possono essere creati da soli e basati sulla vendita di informazione, sono sicuramente quelli con un margine di guadagno più alto.

Un’altra difficoltà è partire all’inizio in quanto non si è conosciuti in quella nicchia, non si ha la credibilità, è qualcosa che va costruito giorno per giorno dando dei bonus, contenuti gratuiti utili, dando assistenza veloce e personalizzata, mostrando interesse per eventuali problemi dell’utente.

Non c’è una formula magica, la reputazione te la devi guadagnare nel tempo anche se non ti nego che ci sono online alcuni siti relativi a certi business che hanno tantissimi utenti che li seguono ma di fatto non offrono prodotti all’altezza, ma in molti casi il venditore ha fatto un ottimo lavoro di comunicazione e convincimento dell’utente.

Altro discorso quello del monopolio di google che merita di essere accennato, fino qualche anno fa era più semplice lavorando bene creare siti ottimamente posizionati, ora le prime posizioni delle ricerche sono esclusivamente annunci a pagamento quindi il merito viene premiato meno.

Il lavoro online è un’opportunità entusiasmante, c’è ancora spazio sicuramente per chi ha da dire qualcosa ed è volenteroso, con la consapevolezza che non esistono formule magiche ed è necessario un impegno costante giornaliero per vedere dei risultati concreti nel tempo.

Se hai qualche osservazione da fare, domande, integrazione, scrivi nello spazio qui sotto!


Lascia un commento

Your email address will not be published.