Per lanciare un Infoprodotto sul mercato, ma la regola vale sostanzialmente per qualsiasi ti po di vendita in quanto le leve su cui fare affidamento sono sempre le stesse, occorre tenere a mente alcuni aspetti propri della natura umana, e qui andiamo sulla parte più psicologica della vendita.

Un principi che viene ampiamente utilizzato è quello della cosiddetta RECIPROCITÀ, ossia la tendenza umana a dare qualcosa in cambio di qualcosaltro.

La tattica consiste nell’essere i primi a donare qualcosa di utile in modo da indurre l’altro (potenziale cliente) a dare qualcosa in cambio.

Il classico esempio digitale è il popo up che da un ebook omaggio in cambio della email del visitatore.

Altra tecnica è quella della CREAZIONE DI UN EVENTO, l’essere umano è infatti un “animale sociale”, ama fare parte di gruppi, condividere, sentirsi parte di qualcosa di grande e accettato dalla massa.

Per cui creare un evento fa leva su questa psicologia arcaica e funziona terribilmente soprattutto in questo periodo storico dove c’è la spettacolarizzazione di tutto.

Il mio punto di vista è quello di utilizzare queste tecniche in maniera etica, fornendo comunque un valore vero e un aiuto al potenziale cliente, c’è differenza tra commercio e commercio etico.

Anche fare precedee il lacio da una ANTICIPAZIONE funziona nel complesso della strategia, si fa conoscere il prodotto in anticipo, prima di lanciarlo in modo da creare aspettativa, in questo modo si contribuisce anche a creare l’evento.

Un’altra strategia utilizzata è il principio della RIPROVA SOCIALE, le persone prima di agire amano cercare conferme in altre persone che hanno fatto la stessa cosa, in questo caso l’acquisto, in modo da sentirsi parte di una comunità e da essere più tranquille sul valore di ciò che si acquista.

Devo dire che una delle strategie più forti è probabilmente mostrate praticamente che ciò che si vende funziona e risolve il problema per il quale è progettato.

Insomma puoi ben capire che se qualcuno inventa una cura efficace per la psoriasi, se ne mostra l’effetto su diversi pazienti, l’impatto e la spinta all’acquisto sono fortissimi.

Nella vendita è sempre bene comunicare nei due sensi, ossia ascoltare e parlare, al fine di individuare esigenze dei nostri potenziali clienti, e poi le persone amano parlare, anche questo crea comunità e senso di appartenenza al gruppo.

Infine una strategia utilizzata sistematicamente è quella della SCARSITÀ, ossia si genera una mancanza, restringendo la quantità di prodotto disponibile o il tempo di permanenza del prodotto sul mercato, questa mancanza genera nell’essere umano una arcaica corsa all’accaparramento dei beni in scarsità, nel caso del commercio, all’acquisto.

Come vedi non è semplicissimo vendere infoprodotti, o meglio è qualcosa di assolutamente fattibile ma dietro c’è comunque uno studio su come funziona il commercio e la natura umana in quanto le due cose sono nate insieme.

Se hai domande sulle strategie di vendita o vuoi aggiungere il tuo contributo scrivi qui sotto!


Leave a Reply

Your email address will not be published.