Hai sentito parlare di guadagnare online vendendo infoprodotti ma proprio non sai da che parte incominciare?

Prenditi il tempo per leggere questo articolo e sono sicuro che alla fine avrai le idee molto più chiare!

Se per caso ancora non dovessi saperlo, gli infoprodotti sono prodotti informativi digitali, in vari formati, audio, video, ebook, tramite i quali si può imparare qualcosa che ci serve, una nuova competenza, come utilizzare un software, ecc.

Per vendere un infoprodotto la prima cosa da fare è individuare una nicchia a cui venderlo.

Occorre cercare quindi dei bisogni, desideri o problemi, e creare un infoprodotto che sarà la risposta a questi bisogni, le persone bisognose di questo prodotto sono la nostra nicchia di riferimento.

Non sottovalutare le piccole nicchie, anche se sono formate da meno persone queste sono probabilmente molto più disposte a spendere se trovano prodotti che gli interessano.

Il prodotto potrà essere creato in vari formatii più utilizzati sono il pdf per gli ebook e mp3 e mp4 per file audio e video.

La scelta di un formato rispetto l’altro dipende da molti fattori, ad esempio se sei più portato a scrivere potrai preferire gli ebook mentre se ami più parlare preferirai un formato audio,

Poi dipende anche dalla nicchia, di volta in volta in base alla conoscenza della nicchia deciderai in che formato creare il tuo infoprodotto.

Per capire il mercato, le nicchie e i bisogni, fai ricerche tramite servizi come yahoo answers, puoi infatti vedere le domande che fanno gli utenti e questi sono potenziali bisogni.

Ricerca per diverse keywords e cerca tra la concorrenza per vedere se ha lasciato qualche bisogno scoperto, il tuo infoprodotto potrebbe essere basato proprio su questo.

Per sviluppare il tuo infoprodotto puoi utilizzare word oppure openoffice per gli ebook e software come camtasia e avs audio editor per i videoprodotti e gli audioprodotti.

Le idee per i tuoi infoprodotti potrebbero venirti in qualunque momento, ti consiglio di annotare tutto ciò che ti viene in mente per poi fare una cernita per individuare le idee più promettenti, ma non buttare via nessuna idea a priori!

Se sei a corto di idee puoi anche optare per vendere infoprodotti con diritti di rivendita (DDR) oppure con diritti di marchio privato (PLR).

I prodotti con diritti di rivendita come dice la parola stessa puoi rivenderli a certe condizioni che sono indicate nella licenza allegata e sostanzialmente si tratta di poterli rivendere lasciandoli come sono ma cambiando ad esempio la grafica della copertina.

Invece i prodotti con diritti di marchio privato permettono di essere modificati in parte o completamente, creare copertine nuove, aggiungere o togliere parti, e addirittura cambiare titolo me mettere il proprio nome come autore del libro.

Se durante il processo che va dall’idea fino alla pubblicazione non fossi in grado di avere tutte le competenze per creare il tuo infoprodotto, puoi commissionare qualcosa a terze persone in outsourcing, ad esempio la grafica della pagina di vendita o della copertina.

Chiaramente hai un costo in più se se in una competenza sei a zero, la cosa può rivelarsi necessaria.

Quando poi il tuo infoprodotto è pronto occorre che crei una pagina di vendita, una scheda descrittiva creata secondo quelli che sono i principi della persuasione, al fine di rendere più efficace la vendita e aumentare il più possibile il numero di conversioni da visitatori della pagina a clienti.

Per la questione dei diritti d’autore, se sei tu in prima persona che crei il prodotto e non l’hai copiato da altri chiaramente i diritti sono i tuoi, se tu commissioni un infoprodotto ad un’altra persona dovete accordarvi, potresti dare una percentuale sulle vendite oppure acquistargli il prodotto con i diritti.

Occorrerà quindi scrivere l’accordo su carta e firmarlo, può andare benissimo comunque uno scmabio tra poste certificate (PEC), dove regolarizzate il vostro accordo.

Se non hai tante idee puoi optare anche per creare infoprodotti da interviste.

Puoi intervistare, tramite skype o telefono, qualcuno esperto nella nicchia di riferimento e poi dalle sue risposte creare il tuo infoprodotto.

Grafica, numero di pagine se si tratta di ebook), contenuti, presentazione, pagine di vendita, prezzo, sono tutti elementi che influiscono sul valore percepito del tuo prodotto da parte dell’utente, quindi valuta tutto con attenzione, cercando di metterti nei panni del cliente e chiedendoti sempre se tu compreresti quel prodotto a quel prezzo e perchè.

Per quanto riguarda la protezione degli infoprodotti ci sono vari metodi elettronici, ma forse il migliore è quello di non svendere il prodotto, le persone difficilmente condividono gratis ciò che hanno pagato una certa cifra, mentre lo fanno più facilmente con prodotti da 0,99 €

Dare il prezzo al prodotto non è mai cosa facile in quanto bisogna bilanciare l’esigenza  di dare un alto valore percepito, fornire contenuti interessanti e utili senza comunque chiedere cifre astronomiche.

Probabilmente la regola più funzionante per prezzare un prodotto è chiedersi se lo si comprerebbe in prima persona a quel prezzo.

Considera che spesso succede anche che un prodotto a 19,99 non si vende poi dopo un anno lo metti a 39,99 e comincia a vendere, devi sperimentare.

Per vendere il tuo prodotto dovrai creare un pagina di vendita che sostanzialmente conterrà un’offerta, ossia il tuo prodotto principale in vendita (ad un prezzo scontato solo apparentemente), e in più in regalo vari bonus e prodotti correlati al principale.

A seconda dell’infoprodotto che vendi e di come meglio ritieni puoi anche creare delle membership a pagamento mensile dove ad esempio fornisci vari video corsi che sono i capitoli di un videocorso completo.

Quando il visitatore arriva alla pagina di vendita ha poco tempo per catturare la sua attenzione, si dice circa 2/3 secondi, poi lo perdi, quindi i titoli devono essere accattivanti, incuriosire e descrivere in maniera sintetica il prodotto che vendi.

Utile la formulazione dei titoli in forma interrogativa!

Dovrai poi creare campagne di vendita per far conoscere alla tua lista iscritti il tuo prodotto tramite l’email marketing e tramite annunci a pagamento tramite facebook e adwords ad esempio.

Come metodo di pagamento mi sento di dirti di utilizzare pay pal, che accetta qualsiasi tipo di pagamento online e tramite carta di credito ed è un metodo diffusissimo e molto sicuro, i clienti si fidano perchè lo conoscono.

Se hai prodotti che costano molto puoi anche utilizzare il bonifico bancario.

Per consegnare il prodotto digitale dovrai avere un software gestionale che ti gestisca la fatturazione, la consegna automatica del prodotto, le affiliazioni, ecc, il più usato al mondo è amember, che ti consiglio vivamente.

Per creare una campagna di vendita del tuo prodotto dovrai gestire la fase precedente facendo in modo di generare curiosità nei tuoi utenti, in modo che arrivino al lancio che non vedono l’ora che il prodotto esca in vendita.

In questo modo saranno fortemente motivati ad acquistare.

Sarà poi utile avere affiliati che promuovono il tuo prodotto,  sia perchè ti farai conoscere ad un pubblico sempre più  numeroso, sia perchè chiaramente la vendita dell’affiliato genera un guadagno anche per te.

Anche dopo il lancio la vendita va gestita, si vede come va la campagna di vendita e poi si può eventualmente decidere se interromperla in un determinato momento per generare senso di scarsità del prodotto.

Per gestire le tue campagne ti occorrerà un autorisponditore, il più usato al mondo nell’infomarketing è senza dubbio aweber che ti consiglio.

Con l’autorisponditore potrai creare una serie di messaggi che vengono mandati in sequenza automaticamente, il primo è un messaggio di presentazione, saluti e ringraziamenti, poi si mandano email con dei contenuti in omaggio per generare senso di reciprocità e poi si manda un’email di un’offerta a pagamento.

Ci sono diverse strategie ma questa è in linea generale la più usata.

Ti ricordo che un sito, è un  negozio online quindi se crei un business che ad esempio ti fa guadagnare 30000 euro in un anno, se poi vuoi creare un altro business e  abbandonare quello, lo puoi vendere, ad una cifra probabilmente vicina a ciò che ti ha data in un anno di attività.

Puoi proporre il tuo prodotto su clickbank, dove gli utenti del sito potranno vederlo e decidere di promuoverlo in affiliazione.

Per gestire il tuo sito di vendita avrai bisogno di sapere utilizzare un software per il trasferimento di dati (FTP) come filezilla che ti permette di caricare sul tuo server i tuoi prodotti che saranno disponibili per essere scaricati dai clienti.

Per approfondire l’argomento ho creato un apposito corso, il Corso completo di Infomarketing!

Se hai domande in merito a questo articolo, qualcosa da chiedere, oppure hai acquistato il corso e qualcosa non ti è chiaro, scrivi un commento qui sotto!

Spero che l’articolo ti sia servito a chiarire eventuali dubbi che avevi sull’infomarketing.


Leave a Reply

Your email address will not be published.